il Sistema duale FIxO: sperimentazione nei percorsi di apprendistato

La sfida duale è iniziata! Cosa significa in termini concreti SISTEMA DUALE ed a chi si rivolge.

Il CNOS FAPa San Benigno ne da una sua interpretazione alla luce dei percorsi avviati nel convegno che si svolgerà il 28 novembre nei suoi locali in cui presenterà,  i punti salienti di questa sperimentazione.

Il SISTEMA DUALE FIxO
Formazione e innovazione per l’occupazione: il ruolo delle aziende
IMPARARE LAVORANDO IN ITALIA SI PUO’

Lunedì 28 Novembre 2016 – ore 16,00 -18,00
Salone Istituto Salesiano
P.zza Guglielmo da Volpiano n° 2
San Benigno C.se (TO)

Saranno presenti i principali attori di questa Sperimentazione: l’On. Luigi Bobba, Sottosegretario al Ministero del Lavoro, ispiratore e promotore della sperimentazione; l’Assessore alla FP della Regione Piemonte Giovanna Pentenero, che per prima ha voluto metterla in campo; le associazioni e le imprese; gli allievi iscritti e le loro famiglie.

CHE COSA E’ il SISTEMA DUALE
E perché Duale? Duale perché i destinatari, cioè chi ne potrà usufruire, sono sia i giovani in obbligo di istruzione, sia le aziende del territorio che costituiscono la rete che il CFP di San Benigno è stato in grado di costruire in questi anni, ormai quasi 40 di attività formativa sotto la sigla CNOS FAP Piemonte.

Duale perché i giovani sono impegnati in un percorso di formazione ed in quello del lavoro che si devono integrare.

Duale perché le aziende nel contempo formano le risorse umane, secondo le loro precise indicazioni, e ne provano già la validità durante il periodo di apprendistato o di alternanza scuola lavoro all’interno delle officine o dei laboratori dove operano e producono.

Duale perché possono trovare una strada per il loro futuro sia i giovani in uscita dalla terza media e sia i NEET, quelli cioè che non stanno facendo nulla e che difficilmente rientrerebbe in percorso formativo di qualifica professionale.

Duale perché al termine del percorso avranno conseguito il titolo di studio, appunto la qualifica professionale, ed saranno inseriti nel mondo del lavoro.

Tutto questo progetto è importante spiegarlo nei minimi dettagli e con chiarezza alle famiglie, sempre a caccia del diploma di stato per il loro figli, alle aziende del settore che si aspettano una professionalità in uscita dai percorsi formativi, alle quali sarà utile sottolinearne gli aspetti contrattuali.

Duale soprattutto perché bisogna mostrare alle famiglie e alle aziende quali sono le risorse che il CFP mette in campo: dai formatori tecnico pratici a quelli delle aree trasversali che preparano le basi professionali e quelle dei saperi; dai laboratori alle officine fino alle esercitazioni; dal tutor formativo all’orientatore per progettare il percorso con l’azienda, accompagnare al successo formativo l’allievo e fare da collegamento con il tutor aziendale durante tutto il tragitto.

Abbiamo accettato anche la sfida del Sistema Duale FIxO avviando alcuni percorsi di apprendistato con giovani in obbligo di istruzione e vogliamo spiegare alle famiglie e alle aziende del nostro territorio quali sono le risorse che stiamo mettendo in campo e quali sono gli aspetti salienti di questa prima sperimentazione”: queste le parole del direttore del CFP di San Benigno C.se Carlo Vallero nel presentare pubblicamente l’iniziativa.

Scarica qui

Volantino28-11-16

comunicato stampa